Pulizia Elettrodomestici

Pulizia Elettrodomestici

Consigli per la Pulizia Elettrodomestici

Lo smalto dei Lavelli e dei Piani Cottura

Lo smalto è una copertura simile al vetro e quindi molto delicato. Prestate attenzione a maneggiare oggetti duri e spigolosi che potrebbero graffiare lo smalto e a non far cadere oggetti appuntiti (coltelli o altro) che lo scalfirebbero profondamente. I succhi di frutta, il vino rosso e altri prodotti alimentari se lasciati a lungo contatto con la superficie smaltata, macchiano. Per evitare questo inconveniente sciacquare subito accuratamente. Con l’uso quotidiano possono apparire graffi e macchie opache. Queste alterazioni dovute all’uso non possono essere coperte dalla garanzia. Per la pulizia usare esclusivamente detersivi liquidi e in nessun caso abrasivi o acidi.
 

I Piani Cottura

Per le pulizie dei piani cottura con struttura inox o smaltate vedi Pulizia Top Acciao. Eventuali piastre elettriche vanno pulite con un panno imbevuto di detergente non  aggressivo e asciugate. Non usate mai spazzole in acciaio o coltelli. Attenzione, le pentole non devono mai sporgere dal piano cottura perché l’eccessivo calore farebbe surriscaldare il piano di lavoro danneggiandone la finitura.

Frigoriferi e Congelatori

Per le pulizie dell’interno usate solo detergenti normali non aggressivi e non abrasivi. Sulle apparecchiature con sbrinamento automatico mantenete regolarmente pulita l’apertura dello sgocciolatoio posizionato sulla parete posteriore dell’ elettrodomestico. Attenzione, l’occlusione del foro di scarico provoca il trabocco di liquidi nell’apparecchio. Attenzione! Se non fossero apparecchiature con sbrinamento automatico, come congelatori a scomparti, sbrinateli regolarmente: lo spessore del ghiaccio ostacola il rendimento! Non usare mai oggetti in metallo o appuntiti per togliere lo strato di ghiaccio: potrebbero danneggiare le piastre evaporatici! Utilizzate l’apposito raschietto di plastica fornito con l’apparecchiatura. (non comprate un frigorifero grande come quello della foto!)

Le lavastoviglie

Per un buon funzionamento della lavastoviglie osservate alcune regole fondamentali: Pulite regolarmente i filtri e di tanto in tanto il filtro del tubo di carico. Controllate il livello di sale e brillantante (osservate le quantità indicate nel libretto istruzioni del costruttore). Usate detersivi specifici per lavastoviglie e nella quantità sufficiente. Mantenete pulita la guarnizione dello sportello, ciò garantirà una chiusura ermetica. Una chiusura non perfetta causerebbe l’uscita di vapore che potrebbe danneggiare i mobili laterali.

Le Cappe

Le cappe si distinguono per il loro funzionamento in cappe aspiranti o cappe depuranti.

 

La cappa aspirante serve a:
convogliare all’esterno vapori di cottura e odori, trattenere in appositi filtri le particelle di grassi normalmente in sospensione durante la cottura. Queste particelle sono la principale causa dello sporco dei mobili in cucina. Attenzione, non lasciate mai fuochi accesi liberi a cappa spenta, porre sempre dei tegami sui fuochi e accendere subito la cappa. In questo modo si eviterà il surriscaldamento del motore e si aumenterà l’efficacia contro odori e vapori prodotti dalla cottura. Attenzione, per mantenere in buona efficienza la cappa, lavate i filtri metallici almeno una volta ogni 3-4 mesi oppure sostituite il panno.
La cappa filtrante o depurante si utilizza quando non c’è un condotto per convogliare i vapori all’esterno. La cappa filtrante può assorbire (con il carbone attivo) solo una parte dei cattivi odori, mentre il vapore viene riciclato con l’aria parzialmente depurata nella stanza. Per abbassare quindi il tasso di umidità in presenza di cappa depurante si consiglia di aprire spesso una finestra e ricambiare l’aria nella stanza. Attenzione, per assicurarsi una certa efficacia sostituite spesso i filtri carbone e lavate il filtro grassi almeno una volta ogni 3-4 mesi o sostituire il panno.

 

Per le pulizie esterne della cappa
Si raccomanda che le pulizie delle cappe con frontalino in alluminio, acciaio inox o rame, siano eseguite con un panno morbido imbevuto di detersivo liquido neutro da passare con movimento orizzontale. Per lo sporco difficile è consentito l’uso di alcool denaturato. Non utilizzare assolutamente detersivi a base acida “anticalcarei” o caustica, come i prodotti per forni, per pavimenti, per lavastoviglie o sanitari. Danneggerebbero la finitura. Non utilizzate assolutamente prodotti abrasivi, pagliette o simili. Graffierebbero irrimediabilmente la superficie. Attenzione, la cappa in rame è protetta da una vernice speciale che ne evita l’ossidazione. Non utilizzate assolutamente prodotti commerciali destinati al trattamento del rame. La danneggerebbero irrimediabilmente.

  • Eliminare le impurità con una spugna umida e poco sapone neutro
  • Risciacquare con un panno umido
  • Asciugare con un panno morbido, se la cappa è inox seguire la satinatura del metallo
  • Pulire il condotto interno della cappa una volta l’anno
  • Prodotti per la pulizia a base acida possono danneggiare la superficie della tua cappa.

 

« indietro